www.testaccio.roma.it Aggiungi www.testaccio.roma.it ai tuoi siti preferiti Aggiungi ai preferiti  

Testaccio

Il cuore della vecchia Roma

Parco Appia Antica: feste bambini, eventi e ristorante
  HOME: L'idea | Il Rione | Fotografie | Video | Numeri ed indirizzi utili | Camere e Appartamenti | Roma Club Testaccio | Contattaci  
  www.testaccio.roma.it - Monte dei cocci   www.testaccio.roma.it - Mattatoio   www.testaccio.roma.it - Mattatoio  
             
 

Testaccio segnala

IL QUARTIERE

MANGIARE BENE

VINI e GASTRONOMIA

INTRATTENIMENTO

CINEMA e TV

DORMIRE nel QUARTIERE

SERVIZI

Cantine Doffizi Testaccio

  Sei in: HOME - Il quartiere > Monte dei cocci

Monte dei cocci


Il nome di Monte Testaccio deriva dal latino testa, ovvero coccio!

Questo riferimento si deve al materiale con il quale fu artificialmente innalzato e cioè le anfore scartate dal limitrofo insediamento porto sulla sponda del Tevere; ha un perimetro di 700 metri circa, un'altezza massima di 45 metri ed una superficie di circa 22.000 metri quadrati con circa 25 milioni di anfore accatastate.

Grazie alle datazioni ed alle indicazioni commerciali reperibili sui frammenti dei cocci, è possibile stimare la data degli scarichi compresa fra il 140 d.C. e la metà del III secolo.
La maggior parte delle anfore accatastate, probabile i 4/3 dei frammenti, sono anfore olearie betiche (la Betica era provincia romana situata nell'attuale Andalusia).

I rimanenti frammenti sono anfore olearie africane.
Ma la memoria del monte e del sito circostante è legata soprattutto alle feste del carnevale, il ludus Testaccie, documentato per la prima volta nel 1256 durante il pontificato di Alessandro IV e rinnovato ogni anno fino al 1470 circa.

I giochi che vi si praticavano, assai movimentati e cruenti, consistevano nel lanciare animali come maiali, tori e cinghiali giù dal monte dove i lusores se li contendevano per trafiggerli con la spada e venirne in possesso.

Nel 600’ il monte cambiò volto, e precisamente quando Pietro Ottini e Domenico Coppitelli acquistarono il terreno adiacente al colle per aprirvi "grottini" destinati ad osterie che via via aumentarono di numero (oggi sono destinati a famosi ristoranti e locali notturni).

Dalle feste medioevali dei tori e dell'albero della cuccagna si passò ai banchetti gastronomici delle famose Ottobrate romane.

Durante la seconda guerra mondiale vi fu anche installata un'intera batteria antiaerea, smantellata alla fine del conflitto; ancora oggi sono visibili resti di quattro piattaforme per i cannoni antiaerei.

   

  Privacy Policy |Mappa del sito | Link | Credits | Contattaci  

Testaccio 2007 Copyright - Tutto il materiale e' di proprieta' del sito www.testaccio.roma.it